Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Definito il disciplinare. Coltivabili oltre 63 mila ettari, per lo più collinari, di quasi 320 comuni del Lazio

Ecco l'Olio di Roma. E con tanto di marchio dalla triplice tonalità, ben visibile e riconoscibile. Due cerchi, l'esterno di un rosso più scuro, separati da una sottilissima circonferenza gialla, come la scitta centrale, 'Olio di Roma', le raffigurazioni di quattro foglie della pianta e di un paio di olive attaccate; bianco, invece, il disegno del simbolo della Città Eterna, il Colosseo, conosciuto in tutto il mondo, oltre ai caratteri in stampatello a cingere la rotondità per ribadire il prodotto acquistabile.
Presentato e illustrato in una affollata e interessata sala del Tempio di Adriano di piazza di Pietra, a Roma, il disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta dell'extravergine di oliva. Otto articoli per determinare, oltre la denominazione e il relativo inconfondibile marchio; le caratteristiche del prodotto; le zone di produzione e la prova dell'origine; il metodo di ottenimento con l'indicazione per la coltivazione delle piante, le modalità di raccolta, fra l'inizio di ottobre e il 30 gennaio dell'anno successivo, lo stoccaggio e l'oleificazione; il legame con l'ambiente; i controlli e la designazione e la presentazione.
La superficie coltivata è di oltre 63 mila ettari, per lo più collinari, di quasi 320 territori comunale, praticamente al completo: 109 della provincia di Roma; una novantina di Frosinone; 27 dell'area pontina; 35 della Sabina e 60 dii quella della Tuscia. Le zone sono risultate idonee per ottenere produzioni con le caratteristiche qualitative previste, fra cui organolettiche e chimico-fisiche; il colore, dal verde al giallo oro, con cambiamento cromatico nel tempo. All'olfatto è caratterizzato da note fruttate di oliva di intensità variabile con evidenti segnali di pomodoro alternati o contemporanei di carciofo, mandorla ed erbaceo. Il gusto dovrebbe avere sentori vegetali e amari di entità diversa o associata a richiami di pomodoro, carciofo, mandorla ed erbacei.
Ogni fase del processo produttivo è controllata e verificata anche attraverso l'iscrizione in appositi elenchi degli olivicoltori, dei frantoiani e dei confezionatori gestiti dalla struttura di controllo per garantire la tracciabilità del prodotto.
Il 70% del ricavato deve essere di nove varietà. Autoctone, Caninese, Carboncella, Itrana, Marina, Moraiolo, Rosciola e Salviana e di uso consuetudinario, Frantoio e Leccino. Il resto anche di altre varietà di olivi.
Fissate anche le distanze fra le piante, i tipi di potatura, la fertilizzazione, l'irrigazione, la gestione del suolo e la difesa fitosanitaria. La produzione unitaria massima consentita è di 9.500 chili di olive per ettaro. La raccolta solo manuale e con mezzi meccanici. Esclusi i prodotti cascolanti e di abscissione e l'utilizzo di quelle cadute sul terreno e sulle reti di raccolta permanenti.
Il trasporto in contenitori rigidi che consentano l'aerazione e prima della molitura, entro due giorni dalla raccolta, le olive devono essere defogliate e lavate a temperatura ambiente. La resa massima delle olive in olio non può superare il 20%.
Il risultato dell'estrazione deve essere contenuto in contenitori di acciaio inox o in altri recipienti di materiale idoneo alla conservazione dell'olio ad una temperatura che non condizioni le caratteristiche qualitative. La coltivazione
e l'estrazione devono essere effettuate nella stessa zona di produzione. L'area al centro della penisola, dai monti appenninici al Mar Tirreno, con prevalenza collinare, è l'habitat ideale per la coltivazione degli olivi.
L''Olio di Roma' IGP deve essere commercializzato in recipienti non superiori ai 5 litri, sigillati e con l'etichetta e la scritta ben visibile dell'extravergine di assoluta qualità. Una novità anche per i turisti appassionati e ricercatori della produzione enogastronomica Made in Italy, in questo caso con un marchio e sigillo di garanzia... capitale.

Pin It