Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Tre plantigradi liberati in Albania per essere traferiti in un'area attrezzata del Bioparco di Roma

Sono stati liberati dalle grinfie e dai soprusi del proprietario di un albergo dell'Albania settentrionale i due cuccioli di orso bruno utilizzati come attrazione turistica, che nel Paese al di là dell'Adriatico sembra una tradizione purtroppo consolidata.
Ai due plantigradi maschi, nati all'inizio del 2017, si è arrivati seguendo le indicazioni trovate sui social media.
Pronta una task force per l'azione decisiva composta dagli uomini del Bioparco di Roma, dai locali ispettori delle Aree Protette e dai rappresentanti delle associazioni Salviamo gli orsi albanesi, Four Paws e Salviamo gli orsi della luna, che hanno rintracciato e portato via i cuccioli.
Controlli sanitari da parte dei veterinari, vaccini e microchip, passaggio allo zoo di Tirana, dove hanno trovato una femmina, Mary, nata un anno prima.
I tre, dopo alcuni mesi in attesa delle varie e opportune autorizzazioni, sono arrivati a Roma, nell'apposito spazio creato per l'occasione accanto alla Valle degli Orsi, caratterizzata da elementi naturali per garantire un soddisfacente livello, rispettando le esigenze fisiologiche e comportamentali.
"L'operazione è scattata quasi un anno fa", ha ricordato il responsabile zoologico del Bioparco Yitzhak Yadid, ma è il presidente della Fondazione Federico Coccia a rivelare che "in Albania gli orsi sono strappati alle madri quando sono piccoli, allevati dall'uomo, tenuti al guinzaglio per essere sfruttati come attrattiva per foto ricordo a pagamento con i turisti e i clienti di ristoranti e hotel", più o meno ignari.
Gli animali sono costretti a vivere in modo ignobile, crudele e terribile, in gabbie dalle limitate dimensioni, "spesso senza cibo e acqua". Con il passare degli anni diventano sempre più inutili per i loschi affari degli aguzzini e pericolosi, in quanto "se rilasciati liberamente in natura rischiano la vita".
Salvezza al Bioparco di Roma, quindi, per i fratelli Gianni e Sam e anche per Mary liberata in una precedente azione simile.
L'orso
bruno è diffuso in tutto l'emisfero settentrionale. Non è considerato un animale a rischio, anche se i soliti bracconieri non mancano per alimentare il vergognoso commercio illegale.
È questo l'aspetto segnalato in Albania dove l'effetto avrebbe ridotto la presenza fra i 180 e i 250 esemplari, ma decine sono illegalmente in possesso di privati.
Negli ultimi anni, comunque, la sensibilizzazione della pubblica opinione e l'impegno delle associazioni animaliste e ambientaliste, in collaborazione con le istituzioni centrali del Paese, Governo e ministeri interessati, alcuni esemplari sono stati recuperati e trasferiti negli idonei e specializzati centro di recupero di Belgio, Germania e Italia.

Pin It