Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Al via il progetto di Roma Capitale e Cassa Depositi e Prestiti a Santa Palomba. Un migliaio i nuovi alloggi

Social housing è l'indicazione anglosassonizzante per definire e identificare l'edilizia privata a carattere sociale che timidamente è arrivata dall'Alta Europa nel settentrione della nostra penisola ed ora anche nella capitale con un progetto considerato sul gradino più basso del podio mondiale dal Global Impact Investors Network per impegno finanziario nel particolare settore. La novità sarà concretizzata a Santa Palomba, zona esterna dalla cinta cittadina. I lavori per la costruzione di un migliaio di appartamenti sui quasi 75 mila metri/quadrati, di cui 30 mila metri/quadrati gestiti dall'amministrazione comunale per le varie e necessarie strutture e infrastrutture da condividere e utilizzare, dovrebbero iniziare fra il periodo conclusivo del 2018 e i primi momenti del nuovo anno. L'iter burocratico con gli uffici pubblici sarebbe concluso, al momento l'attenzione sarà rivolta a chi affidare e su chi dovrebbe materialmente eseguire l'accogliente caseggiato. L'iniziativa del Nono Municipio è stata illustrata dal direttore generale del settore Investimenti della Cassa Depositi e Prestiti Marco Sangiorgio e di quella della Fondazione Housing Sociale Giordana Ferri alla presenza, fra gli altri, del sindaco di Roma Virginia Raggi e dell'assessore all'Urbanistica Luca Montuori.
Un nuovo modello abitativo per la città, che così fra cinque-sei anni dovrebbe avere la possibilità di verificare spazi comuni e relazioni umane. Gli oltre 950 alloggi di varia dimensione, dai bilocali di una cinquantina di metri/quadrati ai quattro vani di 100 metri/quadrati, saranno destinati alla vendita convenzionata, agli affitti a riscatto e alla locazione calmierata a favore di famiglie monoreddito, disagiate, pensionati e disabili indicati dagli uffici comunali attraverso un'apposita assegnazione e rispettando alcuni requisiti, ma anche a studenti fuori-sede e a giovani coppie. Oltre la metà degli alloggi sarà destinata all'affitto calmierato per 15 anni; il 15% in locazione con riscatto e il 30% in vendita convenzionata.
Gli intervenuti hanno sottolineato che anche il mercato immobiliare modifica abitudini e obiettivi con i giovani non più così interessati all'acquisto come le passate generazioni. La tendenza rispecchia quella per le auto non più ricercate ai concessionari e sostituite nelle preferenze dagli innovativi e tecnologici sistemi, fra cui il carsharing e la quattroruote condivisa. Il social housing è stato realizzato con un piano nazionale sostenuto dalla Cassa Depositi e Prestiti insieme ad altri investitori pubblici e privati con un/terzo dei 3 miliardi di euro necessari a realizzare oltre 20 mila alloggi e 8 mila e 500 posti-letto in residenze universitarie.
Il progetto, 'Santa Palomba Città Dinamica', prevede aule di scuola materna ed elementare; esercizi commerciali di vicinato; aree verdi attrezzate; pista ciclopedonale e un paio di piazze. Insomma, una minicittà all'interno della grande zona urbana, metropolitana, collegata con delle navette alle stazioni ferroviarie di Pavona e Cancellera e, comunque, non particolarmente lontano da quella di Pomezia.
L'iter del piano era stato avviato nel 2010 anche per rivitalizzare quell'area a sud-est del centro cittadino e superare qualche forma di abusivismo. A sentire i vertici del Campidoglio, a Roma sarebbero quasi 200 mila le case fra invendute e non affittate, oltre a un rilevante patrimonio abbandonato e occupato ai fini abitativi sia pubblico che privato. I tecnici e gli operatori degli uffici comunali sarebbero impegnati a definire una mappatura del patrimonio pubblico. Una anagrafe delle proprietà e delle disponibilità.
La presentazione del progetto 'Santa Palomba Città Dinamica' è stata accompagnata dall'apertura di una mostra, 'NUB: New Urban Body-Esperienze di generazione urbana', che può essere visitata gratuitamente fino al prossimo 10 giugno al Palazzo degli Esami di via Girolamo Induno tutti i giorni dalle 15 e 30 alle 19 e 30. Il venerdì chiusura posticipata alle 22. L'originale esposizione, suddivisa in quattro settori, 'Abitare', 'Appartenere', 'Lavorare' e 'Partecipare', è stata sostenuta da Roma Capitale in collaborazione con CDP Investimenti SGR, la Fondazione Housing Sociale e il Fondo Santa Palomba SH gestito da DeA Capital Real Estate SGR.

Pin It