Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Apprezzamento della produzione italiana, che aumenta l'offerta di qualità

La maggior parte dei consumatori americani afferma di preferire vini di produttori noti, percentuale che supera i due/terzi per chi non è un bevitore quotidiano. La scelta riguarda la conoscenza dell'azienda, internazionale, con storia antica e tradizionale, radicata nel settore, in particolare del Piemonte, della Toscana, del Veneto e della Sicilia. Di Amarone, Barolo e Brunello di Montalcino le etichette più ricercate ed acquistate dagli appassionati dell'eccellenza Made in Italy. Degustatori pronti a spendere soprattutto fra i 20 e i 25 dollari a bottiglia.
La ricerca sul fine wine è stata realizzata da Nomisma, su sollecitazione dell'Istituto dei Grandi Marchi del Vino Italiano di Qualità, negli Stati Uniti, in particolare fra gli acquirenti della California, della Florida, del New Jersey e di New York. In questi quattro stati, più il Texas, è concentrato il 44% di tutti i consumi del Paese nordamericano.
Ad illustrare i dati raccolti sono stati il presidente dell'Istituto Piero Mastroberardino e il responsabile di Nomisma Wine Monitor Denis Pantini, che riguardano il primo mercato al mondo dei consumi di vino e dalle potenzialità ancora elevate di crescita.
Nell'ultimo decennio gli acquisti sono aumentati del 28%. Una quantità di 32 milioni di ettolitri, ma rimane ancora contenuto il livello del vino nel consumo di alcolici, appena il 10%. La stragrande maggioranza, quasi l'80%, beve birra. Un/terzo degli americani stappa una bottiglia straniera, importata soprattutto da Italia e Francia. I due paesi sono alternativamente leader fra i vini fermi, in testa i nostri produttori e gli spumanti. L'Italia ha mostrato incrementi nei due settori, rispettivamente del 3%, dal 31% al 34% e del 19%, dal 13% al 32%, per gli spumanti. Prosecco compreso. Aumenta anche in prezzo, quasi il 10%.
L'approfondimento, realizzato in un paio di mesi, fra giugno e luglio, ha riguardato interviste di 3.700 persone, di cui 2.400 consumatori fra i 21 e i 65 anni. Il 56% preferisce degustare vini di specifici territori. Sono molti impegnati a raccogliere prima informazioni, attentamente incuriositi anche dalla visione della bottiglia per forma, colore ed etichetta. Il 72%, comunque, apprezza anche sperimentare nuovi prodotti.
La qualità è determinante per definire un fine wine, più della conoscenza, del prezzo e delle indicazioni trovate sulle guide specializzate, su internet e sui mezzi di informazione, fra cui quotidiani e pubblicazioni a frequenza più o meno periodica.

Per gli americani l'Italia è il Paese con i migliori vini d'eccellenza, più della Francia e della Spagna. Italian style con bellezza, moda e lusso, protagonisti nei giudizi dei consumatori al di là dell'Oceano.
Quasi parallela la vendita di bianchi e rossi, mentre le 'bollicine' nazionali crescono, ma lentamente. Per il vino con tonalità più scura e gradazione avanzata la disponibilità economica potrebbe essere anche maggiore, da 31 dollari.
All'Istituto dei Grandi Marchi del Vino Italiano una ventina di aziende produttrici: Alois Lageder, Argiolas, Biondi Santi Greppo, Michele Chiarli, Carpenè Malvolti, Donnafugata, Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute, Gaja, Jermann, Lungarotti, Masi, Marchesi Antinori, Mastroberardino, Pio Cesare, Rivera, Tosca D'Almerita, Tenuta San Guido e Umani Ronchi.
L'Istituto continua il tour informativo del vino italiano di alfa qualità nel mondo. L'Estremo Oriente tappe fondamentali di fine anno, fra cui in Cina; in Giappone, settimo Paese dell'import vinicolo del pianeta; in Vietnam, con un alto e progressivo livello di sviluppo e in Singapore, base e riferimento per i mercati del sud-est asiatico

Pin It