Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Testimonial e spot di Francesca Archibugi per la Race for the Cure di Roma. Visite gratuite per le donne al Circo Massimo

La prevenzione è il fondamentale inizio per affrontare e avere maggiori possibilità di risolvere e rimuovere le difficoltà. Riccardo Masetti, il professore sanitario e presidente dell'associazione Susan G. Komen Italia, che promuove e organizza annualmente la Race for the Cure, ha rilevato le quote: il 70% riesce a superare il problema e, anche con l'avanzata della ricerca e la sempre maggiore sensibilità per i periodici controlli, il livello sale al 90% se la diagnosi è precoce. Ogni anno nel nostro Paese sono segnalati 50 mila nuovi casi di tumore al seno. La Race nelle precedenti diciotto edizioni è riuscita nell'impresa di radunare migliaia di persone nell'appuntamento sportivo, corsa podistica o semplice camminata con le donne pronte a indossare le tradizionali e vistose t-shirt rosa e di raccogliere oltre 15 milioni di euro, utili per sostenere più di 800 progetti. In questo periodo quasi 900 mila donne hanno sofferto, lottato e quelle vittoriose compongono l'ondeggiante marea rosa nel gruppone delle atlete della domenica della Race.
Il programma prevede anche incontri, tavole rotonde, laboratori per indicare e sollecitare un corretto stile di vita caratterizzato da una sana e corretta alimentazione e da una costante attività fisica e visite gratuite all'interno del Villaggio allestito dal 17 al 20 maggio al Circo Massimo.
Dall'ottobre dello scorso anno sono state controllate gratuitamente oltre 5 mila e 600 donne in undici regioni della nostra penisola. Presente anche un'area bimbi con iniziative ludiche e didattiche.
La Race è articolata nella categoria 'competitiva' e 'amatoriale' di 5 chilometri e l'altra, una passeggiata per uomini, donne e bambini, di 2 chilometri. Partenza fissata alle ore 10.
Al via della 19^ edizione sarà presente anche Violante Guidotti Bentivoglio, moglie del ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, che "ha concluso il ciclo di cure per un tumore al seno scoperto per tempo. La prevenzione e il continuo sostegno dei familiari, in particolare del marito o del compagno, sono alcuni degli aspetti fondamentali" nella lotta contro il male. "E allora è impegnata nell'attività di questa associazione, che organizza iniziative straordinarie" e affianca le altre storiche testimonial, le attrici Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi. La collaborazione è estesa agli oltre tremila volontari, che consentono l'attivazione del'La Carovana della Salute e della Prevenzione' e delle relative cliniche mobili. Dopo la capitale farà tappa per le rispettive Race for the Cure a Bari, dal 25 al 27 maggio; a Bologna, dal 21 al 23 settembre e a Brescia, dal 5 al 7 ottobre.
L'edizione targata 2018, per sensibilizzare sulla fondamentale importanza della prevenzione, ha trovato un'altra collaborazione, cinematografica, firmata dalla regista e sceneggiatrice Francesca Archibugi, che ha girato uno spot realizzato da Cattleya, 'Dona, agisci, partecipa, fai la differenza nella lotta ai tumori al seno', fra l'altro, con Carolina Crescentini, Pamela Villoresi, Annalisa Arena, Stefano Scandaletti, Ariella Vaselli e Magdalen Baroi.
Il produttore e presidente del Napoli calcio Aurelio De Laurentiis ha annunciato che chiederà di spostare nel 2019 nella città campana la partenza del tour della Race for the Cure.
Altra iniziativa: chi parteciperà alla manifestazione delle 'donne in rosa' avrà la possibilità di entrare gratuitamente dal venerdì alla domenica nei musei statali della capitale.

Pin It