Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Tour nazionale a favore delle persone più svantaggiate da parte della Fondazione OneSight EssilorLuxottica fino al 2023

 

13 ottobre 2022, Giornata Mondiale della Vista. E per l'importante appuntamento la Fondazione OneSight EssilorLuxottica Italia, risultato della confluenza della onlus OneSight Luxottica Group Foundation con la Fondazione Salmoiraghi&Viganò, organizza un'iniziativa, 'Dieci città in dieci mesi', per sensibilizzare la prevenzione attraverso controlli e incontri con gli specialisti soprattutto in riferimento alle fasce meno tutelate della popolazione. La campagna solidale prevede il coinvolgimento di alcune associazioni che già sono impegnate ad assistere i più disagiati. E la donazione di occhiali per chi ha difficoltà visive.
La campagna riguarda Milano, dal 10 al 21 ottobre; Belluno, dal 7 al 18 novembre; Roma, dal 13 al 23 marzo; Bari, dal 13 al 22 aprile; Genova, dal 15 al 24 maggio; Torino, dal 12 al 21 giugno; Pescara, dal 10 al 19 luglio; Bologna, dall'11 al 20 settembre; Catania, dal 9 al 18 ottobre; Catanzaro, dal 12 al 22 novembre e Firenze, dall'11 al 20 dicembre.
La prima tappa sarà a Milano dove, all'interno della Casa dell'Accoglienza 'Enzo Jannacci' concessa dall'amministrazione comunale del capoluogo lombardo, saranno allestite cinque sale per le visite oculistiche attrezzate dalle specialistiche strumentazioni coordinate dal team del direttore dell'Unità di Oculistica del 'San Raffaele' Francesco Maria Bandello. Un altro spazio sarà riservato alla scelta dell'occhiale alla presenza di un esperto dell'EssilorLuxottica. All'iniziativa nella città lombarda hanno aderito gli istituti milanesi 'Martinitt e Stelline' e il Pio Albergo Trivulzio, che ospitano orfani, minori allontanati dalle famiglie e anziani; la Fondazione Progetto Arca e l'associazione CAF, il Centro di Aiuto ai Minori e alla Famiglia in Crisi. Nell'ultimo anno gli operatori della onlus Progetto Arca ha servito oltre 2 milioni e 600 mila pasti, offerto 340 mila notti di accoglienza, almeno 3 mila visite mediche e assistito all'incirca 25 mila persone. Quasi 500 i volontari sparsi in tutta la nostra penisola.
Al momento sul pianeta, secondo una stima, sarebbero 2 miliardi e 700 milioni le persone con difetti visivi non corretti nonostante le molteplici soluzioni sanitarie siano in grado di risolvere l'80% dei casi. "Vedere male è vivere male, vedere bene per vivere meglio", ha rivelato Lucio Buratto, prossimo presidente del Comitato Scientifico della Fondazione. Nell'auditorium 'Cosimo Piccinno' del Ministero della Salute era presente anche il quasi ex sottosegretario Pierpaolo Sileri, che ha ribadito come "la burocrazia soffoca l'imprenditoria" e anche"il rapporto fra strutture pubbliche e iniziative private". È sempre opportuno ricordare che il Sistema Sanitario Nazionale è gestito dalle regioni e non proprio in modo omogeneo.
Il segretario generale della Fondazione Andrea Rendina ha sottolineato come "anche in Italia è possibile favorire l'accesso alle cure oculistiche e l'inclusione sociale delle persone svantaggiate. Il crescente numero dei senzatetto, dei rifugiati dalle guerre, di chi è in condizione di povertà, impone un intervento concreto. Per questo ripromettiamo di offrire visite oculistiche e lenti graduate gratuite con la collaborazione dei medici e dalle associazioni operanti nel nostro Paese". Dal 2013 la Fondazione con il sostegno dei governi, delle ONG e di alcune partnership "ha consentito un accesso permanente all'assistenza oculistica ad almeno 500 milioni di persone e fornito oltre 50 milioni di occhiali in ogni area del pianeta" terracqueo.
La Fondazione ha anche specializzato 20 mila imprenditori nell'ambito della cura oculistica di base e, praticamente, creando un'occupazione utile nell'assistenza alle rispettive comunità". In un tris di aree sono concentrati gli impegni della Fondazione: oftalmologia, prevenzione e filantropia. "Non va assolutamente sottovalutato il periodo dei contagi da Covid-19, che ha causato la momentanea trasformazione di alcuni reparti ospedalieri per fronteggiare il dilagare del virus e assistere le persone coinvolte e in delicate condizioni. Le visite e gli interventi sono stati fermati o rimandati nel tempo, in particolare per "maculopatite, glaucomi, cataratta e retinopatite diabetiche". La Fondazione, 'ambasciatore della prevenzione', è impegnata a realizzare dei veri e propri "studi oculistici sociali", naturalmente in collaborazione con i medici specialisti e le associazioni che sul territorio nazionale si occupano delle persone maggiormente disagiate.
Luxottica è stata fondata negli anni Sessanta da Leonardo Del Vecchio ad Agordo, ai piedi delle Dolomiti bellunesi. È scomparso a Milano lo scorso giugno all'età di 87 anni e dopo aver guidato, attraverso una serie di acquisizioni in tutto il mondo, leader internazionale del settore. Raggruppa oltre trenta marchi. Oltre 80 mila i dipendenti e almeno 9 mila i negozi aperti ed operativi in diversi paesi del mondo.

Pin It