Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

A un secolo dalla nascita iniziative per un protagonista della cultura italiana anche in alcuni centri del Lazio

Esposizioni, spettacoli teatrali, concerti musicali, letture, incontri, confronti, approfondimenti su Pier Paolo Pasolini per ricordare i cento anni dalla nascita datata all'anagrafe di Bologna 8 marzo 1922. Regista, sceneggiatore, attore, scrittore, saggista, ma anche poeta, romanziere, traduttore e pittore, Pasolini è stato uno dei maggiori intellettuali dello scorso secolo. È stato assassinato nelle prime ore del mese di novembre del 1975 sul litorale romano, ad Ostia. Sulla nostra penisola sono numerose le iniziative promosse e organizzate per ricordare le molteplici attività e i variegati interessi di un personaggio per certi aspetti apprezzato, ma anche contestato e contrastato sia dal pubblico che dai cosiddetti 'osservatori' e 'critici' del settore.
Nel Lazio, in particolare nelle aree dell'hinterland romano (e oltre), sono state dedicate alcune iniziative nell'ambito della rassegna '100 Pasolini'. Il velo sul cartellone è stato alzato a Zagarolo nel suggestivo scenario di Palazzo Rospigliosi, nel quale, man mano, proseguono gli interventi di maquillage. Per l'occasione è stata allestita la mostra, '12 comuni, 100 Pasolini-Cinema di poesia' con una ventina di pannelli fotodidascalici e la performance teatrale, 'La verità sta in molti sogni', scritto e diretto da Tonino Tosto. Un viaggio di tre persone sollecitate da una missiva per intensificare la ricerca dei luoghi e delle parole collegate a Pasolini. Lo spettacolo è abbellito dalle inedite composizioni musicali e arricchito dalle interpretazioni degli scritti del poliedrico regista (e tanto altro) bolognese, che nella capitale è andato alla scoperta e alla successiva emersione e valorizzazione della quotidianità vissuta nelle borgate di una grande città in continua e costante estensione urbanistica ed espansione demografica, ma con i servizi per i residenti insufficienti e inadeguati.
'100 Pasolini' è stato proposto dal Consorzio 'I Castelli della Sapienza' con il sostegno della Regione Lazio e di Lazio Crea; il riconoscimento del Nuovo IMAIE, l'Istituto Mutualistico degli Artisti, Interpreti ed Esecutori e la collaborazione del Forum Europeo. Dodici i centri della provincia romana (e non solo) coinvolti nella kermesse itinerante: Artena, Carpineto, Cave, Colonna, Gallicano nel Lazio, Genazzano, Labico, Lariano, Paliano, Poli, Valmontone e Zagarolo. Ogni tappa sarà caratterizzata da una costante, la mostra e dalla variabile rappresentata dallo spettacolo: alle sale affrescate di Palazzo Doria di Valmontone, 'Tu sapessi che cos'è Roma' di Tony Hard (18 settembre); alla Sala Polifunzionale 'Tiberio Bartoli', in via Roma, di Lariano, 'Letture e scritti' di Pier Paolo Pasolini (24 ottobre); a Carpineto in occasione della Festa della Castagna, Concerto di organetti (29 ottobre); alla Sala Velluti del Palazzetto della Salute 'Rita Dappi' e al Teatro Comunale con la replica dell'esibizione di Zagarolo (13 novembre); al Teatro Parrocchiale di Colonna, 'Processo al processo Pelosi' di Pino Nazio, ispirato dal volume 'Pasolini-Un caso mai chiuso' di Stefano Maccioni (16 novembre) e all'Istituto Comprensivo di Labico, 'Pasolini, poeta da conoscere' (22 novembre). Manifestazioni anche al Museo Civico di Poli dall'11 al 23 ottobre; a Gallicano nel Lazio, nelle aule della Ludoteca Comunale di piazzale Maria Montessori fino al 15 settembre; al Castello Colonna di Genazzano dal 1° al 15 dicembre e alla Biblioteca Comunale di Paliano, territorio di Frosinone, dal 16 al 31 dicembre. Altro scalo a Zagarolo, a Palazzo Rospigliosi, il 29 novembre per il convegno internazionale su Pasolini sollecitato dal Forum Europeo. Visitare le esposizioni e partecipare da spettatori alle rappresentazioni sarà completamente gratuito.
Ad illustrare le fasi degli appuntamenti nelle varie località del tour rievocativo hanno pensato, fra gli altri, il vicepresidente della Regione Lazio Daniele Leodori, che ha anche rivelato come "la serata della scomparsa Pasolini l'aveva passata in un locale del Lungotevere gestito da una famiglia di origine zagarolese"; i responsabili del Consorzio 'I Castelli della Sapienza' e del Forum Europeo, rispettivamente Angelo Rossi e Nicola Petruzzi; il segretario organizzativo dello stesso Forum Marco Pacifici e il regista e attore Tonino Tosto.
Emanuela Panzironi, sindaco di Zagarolo e Andrea Celeste Peronti, presidente dell'Istituzione Palazzo Rospigliosi, hanno annunciato la prossima intitolazione di una strada e l'imminente realizzazione di un murales a Colle Barco da parte degli studenti dell''Henri Matisse', sede distaccata di Cave dell'Artistico 'Enzo Rossi' per omaggiare e ricordare l''intellettuale della tripla P' del Novecento italiano.

Pin It