Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Gli amministratori regionali hanno illustrato il piano per migliorare i servizi e le opportunità in ogni periodo dell'anno

  Nel 2019 era la zona della nostra penisola con la crescita maggiore di arrivi e presenze turistiche, ben oltre la media nazionale. La Puglia, come quasi tutto il resto del pianeta, ha visto precipitare il numero dei viaggiatori e dei frequentatori per la clausura domestica decisa per cercare di contenere l'innalzamento dei contagi da Covid-19. Un biennio drammatico per i bilanci degli operatori turistici e degli altri settori coinvolti e collegati, che sembrano riprendere quota in questo 2022.
865 chilometri di costa e un'acqua marina dall'alta percentuale balneabile, la regione offre anche altri orizzonti, soprattutto ambientali e storico-architettonici. Un altro fiore all'occhiello della Puglia è l'immancabile e apprezzata enogastronomia e la produzione dell'olio extravergine di oliva nonostante i guai passati con il batterio della xylella, che ha colpito le preziose e alcune secolari piante. Mare, litorali, campagne, colline, le tavole arricchite dalla tipica tradizione locale e le caratteristiche isole. Bari, Barletta-Andria-Trani, Foggia, Lecce e Taranto le province della Puglia, che vanta anche 257 comuni con le rispettive feste e ricorrenze laiche e religiose. Alla Puglia appartiene anche l'estremo oriente del Paese, l'area di Otranto. Caratteristiche le strutture a pietra con il tetto conico, i trulli, ammirabili, in particolare, nella zona di Alberobello.
Le bellezze, le iniziative e i progetti sono stati illustrati negli spazi romani della Stampa Estera nel corso dell'incontro, 'Puglia. A way of life', al quale hanno partecipato gli amministratori pubblici e gli esponenti e i rappresentanti della regione, fra cui il sottosegretario per l'Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale Assuntela Messina; il presidente Michele Emiliano; gli assessori al Welfare, alle Politiche di Benessere Sociale e alle Pari Opportunità Rosa Barone; allo Sviluppo Economico Alessandro Delli Noci e al Turismo, allo Sviluppo e Impresa Turistica Gianfranco Lopane e il sindaco di Mesagne, 'città esempio comunità ospitale', Antonio Matarrelli. "Il 20% del PIL regionale è generato dal settore turistico e culturale, un dato positivo, superiore persino al comparto agricolo", hanno ricordato gli amministratori pubblici pugliesi. Un risultato, comunque, da aumentare. La Regione, fra l'altro, ha investito nelle tecnologie, nell'industria dell'aerospazio e nel manifatturiero.
A Bari sono frequentate l'Università 'Aldo Moro', la Libera Università Mediterranea 'Caterina Degennaro' e il Politecnico; a Lecce quella del Salento e a Foggia e a Taranto i giovani possono essere iscritti agli altri atenei delle città capoluoghi di provincia. "In una sola regione sono racchiuse più realtà per un'offerta variegata e anche di qualità", ha sottolineato Gianfranco Lopane. Un'altra novità la riscoperta dei 'Cammini', percorsi sia religiosi che laici con strade larghe e comode, ma anche sterrati e polverosi. E, proprio sui tortuosi collegamenti nell'entroterra, che i camminatori possono vedere la Puglia senza il mare e la spiaggia, ma anche delle campagne, dei piccoli centri per lo più aggirati dai programmi dei tour operator. In quelle località, nei caratteristici borghi sono racchiusi tanti ricordi e qualche leggenda, testimonianze antiche, dipinti, statue e rappresentanze artistiche e culturali nei monasteri, nei chiostri, nelle chiese, nei conventi, fra cui a San Giovanni Rotondo dove ha vissuto l'allora padre Pio.
Prossima la presentazione di un paio di iniziative per il turismo anche solidale sulle coste e la realizzazione di una Academy per il settore alberghiero e della ristorazione. Una regione, cosiddetta "'il tacco della penisola"', che vanta numerose strutture per l'accoglienza alloggiativa ed enogastronomica, agriturismo e prodotti agroalimentari riconosciuti e tutelati con la denominazione IGP. Benessere, innovazione, ricerca, sostenibilità, sviluppo, turismo: 'Puglia, a way of life'. Una regione dall'offerta destagionalizzata, in grado di sbandierare con il Piano adeguato qualsiasi tipo di interesse per i viaggiatori di tutto il mondo.

Pin It