Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Iniziative per sensibilizzare opinione pubblica e amministrazioni locali sull'abbandono indiscriminato delle cicche di sigaretta

 

Fumare è dannoso. Per la salute di chi aspira quel cilindro di tabacco sminuzzato e compresso in una carta velina bianca infuocata nell'estremità contraria al cosiddetto 'filtro' composto soprattutto da acetato di cellulosa per trattenere qualche sostanza e le particelle vegetali. All'importante questione sanitaria è associata quella ambientale, in particolare causata dall'abbandono indiscriminato dei resti delle sigarette consumate. È stimato che annualmente evitano il cestino dei rifiuti 4,5 milioni di miliardi di mozziconi contenenti 7.800 tonnellate di materiali pericolosi, 2 milioni di tonnellate fra carta, foglie, inchiostri e colle per il confezionamento e l'imballaggio. Questa vera e propria montagna inquinante, prima o poi, è inevitabilmente trasportata per lo più dagli effetti metereologici, vento e pioggia, nelle fognature e, quindi, nei corsi d'acqua e, infine, nei mari per il malessere della flora e della fauna, che, non è escluso, finisca sui piatti delle nostre tavole.
Da una ricerca dell'Imperial College di Londra è emerso che il fumo delle sigarette contribuisce dello 0,2% all'anidride carbonica del pianeta. Relativo, ma non come il tempo necessario per la distruzione di una sigaretta, che oscilla dai 5 ai 12 anni. Il giro d'affari dell'industria del tabacco è di quasi 765 miliardi di dollari e, nella particolare graduatoria, è seconda solo a quella delle armi. La tecnologia e l'inventiva della ricerca sostengono le sperimentazioni per trovare modi e maniere per contenere la pericolosa e crescente invasione. Il Royal Melbourne Institute of Technology ha sviluppato un progetto per riciclare le cicche e ricavare energia, biogas e biometano, oltre a materiali industriali. In Canada, a proposito, la lavorazione consente una trasformazione in pellet e in oggetti di uso comune e quotidiano come, fra l'altro, carte da gioco, panchine, pettini, posaceneri, spazzolini e vestiti.
Per l'eventuale riutilizzo, comunque, è necessaria una maggiore raccolta. Migliore e capillare. 'Piccoli gesti, grandi crimini' è la campagna di sensibilizzazione promossa da Marevivo e dalla sezione italiana di British American Tabacco sul superficiale e maleducato abbandonato nell'ambiente de residui delle fumate, ma anche di altri oggetti di uso comune e frequente, quali bottigliette e tappi di plastica e scontrini di carta termica. L'iniziativa, arrivata alla terza stagionalità, è sostenuta dal MITE, il Ministero della Transazione Ecologica e prevede alcuni approfondimenti e stazionamenti, fra cui a Trieste, fino al 1° giugno; a Salerno, dal 24 giugno al 1° luglio; a Pescara, dal 22 al 28 luglio e a Viareggio, dal 26 agosto al 1° settembre. Oltre cinquantamila i posacenere tascabili e riutilizzabili che saranno distribuiti per evitare anche la lievitazione della presenza di mozziconi sui litorali e sulla sabbia. Solo nel nostro Paese sarebbero 14 miliardi i fastidiosi resti degli indisciplinati 'viziosi' e nelle salate acque del Mediterraneo potrebbero rappresentare quasi il 40% della complessiva immondizia. La sollecitazione ai fumatori per una maggiore e migliore attenzione è rivolta sia ai cittadini che alle amministrazioni pubbliche locali.
Nonostante il filtro, collocato fin dagli anni Cinquanta dello scorso secolo e le altre soluzioni, anche originali e stravaganti, il fumo è comunque una micidiale macchina per malanni, in particolare alle vie e agli apparati respiratori e circolatori. I disagi non riguardano solo chi aspira direttamente il risultato della combustione del cilindro di tabacco, ma anche chi è costretto a convivere con cosiddetto 'fumo passivo' o a frequentare locali con le pareti impregnate o i tessuti dei vestiti che hanno assorbito le temibili sostanze. E per lo smaltimento dell'accumulato dai fumatori sarebbe necessaria una lunga e proficua astinenza e uscire definitivamente dal vortice della dipendenza dalla sigaretta.

Pin It