Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Nella Giornata Mondiale della Salute focus sulle protezioni soprattutto di occhi e pelle anche in prossimità della stagione estiva

'Incontriamo l'oculista, ma anche la dermatologa, il fotografo e lo sceneggiatore e regista nell'ambito di un ampio approfondimento, in particolare sul rapporto fra la luce e la salute. All'iniziativa, promossa nella capitale dalla Fondazione Salmoiraghi&Viganò, hanno partecipato Luigi Mele, chirurgo oculista all'Azienda Ospedaliera della Campania 'Luigi Vanvitelli' di Caserta; la dermatologa Annalisa Pizzetti; Enrico Vanzina, fra l'altro fratello del regista Carlo Vanzina scomparso nel luglio del 2018 e il fotografo Adolfo Franzò. L'appuntamento ha praticamente appaiato la Giornata Mondiale della Salute, World Healt Day.
L'osservato speciale nell'incontro romano è stato il sole, meglio, la luce emanata e riflessa, che, se non adeguatamente contenuta, potrebbe essere dannosa per il corpo umano, soprattutto per gli occhi e per l'epidermide. "Gli effetti nocivi della luce solare sono prevalentemente dovuti alla radiazione UV e alla luce blu. La radiazione che raggiunge la superficie terrestre è quasi il 9% di quella UV misurabile nella parte più esterna dell'atmosfera ed è composta da UV-A, per il 90% e da UV-B per il 10%". Evidente, quindi, la necessità di una protezione anche quando, consigliano gli esperti, l'esposizione al sole non è diretta. UV, UltraVioletti, suddivisi dagli specializzati per segnalare i vari campi di studio misurabili in nm, nanometri, UV-A, UV-B, ecc. Le palpebre per la delicatezza e gli occhi per la loro importante funzione sono particolarmente esposti e possono subire danni anche irreversibili.
Luigi Mele nel suo intervento ha ribadito la necessità della dotazione ad ogni età di occhiali da sole con lenti certificate e garantite a tonalità grigia, marrone o verde. "Maggiore è il tempo trascorso all'aperto e più bassa è l'età e parallelamente cresce il rischio, ma la stessa situazione riguarda anche gli anziani, in particolare se sono stati operati di cataratta". La raccomandazione è anche di contenere, per quanto possibile, l'esposizione, soprattutto estiva, nelle ore centrali della giornata. "Gli occhi possono essere salvaguardati esclusivamente con lenti appropriate per evitare pericolose conseguenze. E, comunque, è consigliabile un controllo oculistico almeno annuale, anche se fosse di routine e non per una emergenza di qualsiasi disagio".
Le sollecitazioni sull'attenzione alla luce solare potrebbe essere ciclostilabile dagli specialisti in dermatologia. Cambia lo scenario da tutelare e i possibili rimedi. È stata la dottoressa Annalisa Pizzetti, specializzata in dermatologia e venereologia, ad illustrare rischi e difese da concretizzare soprattutto con le creme in commercio, che, a suo dire, hanno raggiunto ormai un sufficiente livello di efficacia. Annalisa Pizzetti non ha mancato di ricordare le aree dove i problemi per la pelle sono maggiori, fra cui in montagna e al mare, in quanto le superfici di acqua, sabbia e neve riflettono molto la luce e la radiazione UV e avvicinandosi alla metà orizzontale del pianeta, all'equatore. Svelato l''equivoco' sulla cifra posta sulle confezioni delle pomate protettive ai raggi solari, che una volta aperte hanno una validità limitata nel tempo. Il numero riguarda l'entità e l'intensità difensiva, ma il periodo dell'efficacia, praticamente da moltiplicare per 10 (minuti) per ottenere l'arco temporale di sicurezza della personale cute.
Enrico Vanzina ha rivelato le curiosità collegate alla cinematografia e all'importanza della luce nelle molteplici scene da filmare, mentre Adolfo Franzò ha raccontato particolari sulla sua esperienza condita di posizioni, flash e click. Lo stesso sessantenne fotografo catanese ha pubblicato in collaborazione con Marlù Gioielli un volume di oltre 130 pagine patinate arricchite e abbellite di altrettanti scatti di un centinaio di vedette internazionali dello spettacolo (e non solo), fra cui Carol Alt, Luca Argentero, Marco Bellocchio, Monica Bellucci, Bernardo Bertolucci, Sergio Castellitto, William Dafoe, Robert De Niro, Leonardo DiCaprio, Ennio Fantastichini, Sabrina Ferilli, Alessandro Gassman, Valeria Golino, Margherita Granbassi, Hugh Grant, Francesca Inaudi, Jovanotti, Nicole Kidman, Valentina Lodovini, Matthew McConaughey, Julianne Moore, Gabriele Muccino, Nanni Moretti, Marco Pannella, Irene Papas, Luciano Pavarotti, Federica Pellegrini, Charlotte Rampling, Susan Sarandon, Martina Stella, Paolo e Vittorio Taviani e Luca Zingaretti. Il catalogo, Shut. Close Your Eyes', è aperto dallo scritto di Pierfrancesco Favino. Particolare originale e stravagante: tutti al momento di essere immortalati avevano gli occhi chiusi.
L'esperienza di Salmoiraghi&Viganò risale al 1880 come produttori e distributori. Angelo Salmoiraghi, ex allievo di Ignazio Porro capitano del Genio e appassionato di ottica, attiva un laboratorio artigianale specializzato nelle lenti e nelle conseguenti applicazioni. Il contatto con Angelo Viganò, che aveva aperto negozi a Milano e poi a Genova, Roma e Bari, è di quegli anni. Dal 2012 una quota dell'azienda appartiene al Gruppo Luxottica di Leonardo Del Vecchio, che diventa proprietario nel 2017. Il Centro Studi Salmoiraghi&Viganò nasce nel 2014 e quasi a fine 2019 è istituita la Fondazione, che dedica particolare attenzione all'ottica fisiopatologica, alle soluzioni visive e ai sistemi di protezione oculare nelle persone di tutte le età.

Pin It