Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Sfilate ed esposizioni negli studi di Cinecittà per l'iniziativa di AltaRoma. La creatività dei giovani sarà valorizzata dal Campidoglio

Un'ordinata e spettacolare processione di creazioni multicolorate hanno caratterizzato il programma di AltaRoma, la rivitalizzata kermesse di moda consumata allegramente e con originalità negli ampi spazi degli Studios di Cinecittà. Tre giorni interamente dedicati alle produzioni di giovani designer e sulle passerelle, allestite all'interno del riferimento cinematografico romano, altrettante giovani indossatrici. Novità, originalità e modernità sono stati i simboli essenziali dell'appuntamento nella capitale, che, dopo le difficoltà dovute all'estensione dei contagi da Covid-19, ha riacceso i riflettori sulle straordinaria le potenzialità da offrire sia nel design che nella ricerca dei tessuti, per lo più ecologici e dei materiali per gli accessori e le composizioni. Alcune, fra l'altro, hanno calamitato l'attenzione degli operatori milanesi, nella zona dove il suono e l'attività del particolare settore è maggiormente intenso e replicato.
"Anche Roma è in grado di ampliare le possibilità e le opportunità per gli emergenti per attirare i grandi marchi del settore tipicamente Made in Italy e, così, allargare l'interesse e il coinvolgimento delle aree dell'intera città", ha rilevato l'assessore comunale al Turismo, alla Moda, allo Sport e ai Grandi Eventi Alessandro Onorati. A questo proposito non mancano le ipotesi per offrire scenari ineguagliabili alle prossime edizioni come solo Roma è pronta a soddisfare. Cartoline mozzafiato, spot incredibili per un'avanzata della richiesta e del numero di operatori e turisti nella Città Eterna. È quasi inutile ricordare come le location con le testimonianze dell'Antica Roma sono di incredibile suggestione. Pensieri e manovre, proposte e progetti sono già all'ordine del giorno del Campidoglio, che mostra particolare interesse nel sostenere e sviluppare questo settore per rilanciare i flussi turistici e le attività economiche e produttive della città. E non solo.
Gli studi di Cinecittà, ancora sbarrati al grande pubblico in rispetto alle norme antiCovid-19 e visitabili solo dagli operatori del settore e dell'informazione, sono stati invasi dalle originalità di un centinaio di designer. Apparizione ed esposizione delle novità, ma anche incontri e confronti e assegnazione e consegna di alcuni riconoscimenti, fra cui quello promosso dalla CNA, la Confederazione Nazionale degli Artigiani e anche delle piccole e medie imprese, in collaborazione con la Camera di Commercio e la stessa AltaRoma. Fari rivolti sia ai singoli ideatori che alle imprese giovani e di giovani impegnate nella moda, "componente essenziale della creatività del Made in Italy, conosciuta e riconosciuta in tutto il pianeta", fonte della genialità e, perché no?, Indiscusso valore economico e commerciale.
Sul palco della Sala dedicata all'indimenticabile Federico Fellini sono stati premiati Monica Campri (imprenditoria femminile); Raffaella Cinquegrana (Roma Young Talents); Francesca Cuozzo (sustainable fashion); Anna Grigoryan (sartoria e artigianato); Giulia Iosco (gioielli contemporanei) e Plexishock, all'anagrafe Salvatore Etre Borrelli (creatività contemporanea). Sei premi per altrettante specifiche sezioni consegnati in un ritrovato clima di armonia e collaborazione fra il settore propositivo, produttivo, rappresentativo e istituzionale. Nella tre-giorni romana sono stati testimoni, fra gli altri, gli assessori comunali Monica Lucarelli, responsabile delle Attività Produttive e delle Pari Opportunità; Alessandro Onorati; Maria Fermanelli, Eleonora Riccio e Stefano Di Niola della CNA e Silvia Venturini Fendi e Adriano Franchi di AltaRoma.

Pin It