Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

Rafforzata la sicurezza urbana. I voli, coordinati dalla Polizia Locale, alla ricerca di abusi edilizi e ambientali

Voleranno nell'aria e sotto il cielo della città alla ricerca di abusi urbanistici e ambientali i mezzi aerei a pilotaggio remoto, comunemente conosciuti come droni. Ai comandi la Polizia Locale di Roma Capitale, in particolare 54 'piloti' che hanno seguito un apposito e qualificato programma di orientamento e formazione di diversi livelli di approfondimento e qualificazione. Una decina gli aeromobili a disposizione degli operatori della Municipale, di cui uno con tanto di sensore per verificare le temperature anche del terreno e scoprire eventuali sversamenti illeciti di sostanze pericolose e dannose per le aree e la salute pubblica.
La novità è stata illustrata, con tanto di dimostrazione, nel Chiostro riferimento della Polizia Locale di Roma Capitale di via Consolazione, proprio ai piedi del Campidoglio, dal sindaco Virginia Raggi e dal comandante Ugo Angeloni. "L'iniziativa è inserita nel piano di 'Sicurezza e controllo della città' utilizzando le più avanzate tecnologie per essere sempre maggiormente vicini al territorio e ai cittadini", ha sottolineato Virginia Raggi.
Il progetto, concretizzabile dal prossimo autunno, coinvolgerà tutti i municipi della capitale seguendo le previste indicazioni e le eventuali segnalazioni. All'attenzione dei controlli l'abbandono dei rifiuti e la formazione di discariche abusive a 'cielo aperto', in quantità crescente e ormai intollerabile per la Città Eterna; l'indiscriminata e deplorevole pratica di intestare l'ambiente e il paesaggio anche con scarti voluminosi e ingombranti e con liquidi particolarmente inquinanti. E questo nonostante i continui richiami agli appuntamenti per il ritiro promossi nei vari municipi e alla possibilità di 'scambio' al momento dell'acquisto attraverso il cosiddetto '1 a 1', ma anche '0 a 1', in particolare dei piccoli elettrodomestici.
"Ogni municipio avrà la possibilità di azioni anche nelle zone più impervie e scomode per interventi tradizionali e in condizioni meteo mediamente disagevoli", ha rilevato il responsabile del Corpo Ugo Angeloni.
Alla sollecitazione dell'amministrazione comunale di Roma Capitale hanno collaborato l'Esercito Italiano e l'ENAC, l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile. Il sostegno ha riguardato sia l'aspetto normativo sull'utilizzazione dei mezzi aerei a pilotaggio remoto, quadricotteri, un poker di eliche con telecamera incorporata che la formazione professionale per la gestione operativa dei voli e delle registrazioni.

Categoria: Attualità