Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Gola Hundun protagonista a Roma nella struttura della ASL di via Dina Galli

 

 

Quel progetto di rigenerazione, 'Another World-Arte in città per immaginare il futuro', promosso in via Dina Galli nell'area romana di via delle Vigne Nuove, hanno attivamente contribuito anche i giovani frequentatori, i medici e gli operatori del servizio Tutela Salute Mentale e Riabilitazione dell'Età Evolutiva della ASL Rm/1. Il piano, organizzato e sostenuto dall'associazione Eco dell'Arte, prevede l'essenziale coinvolgimento di Gola Hundun, il trentottenne romagnolo specializzato anche nella riqualificazione di pareti e parti di costruzioni con la colorazione e la creazione di originali immagini.
Le 'tele' edili riguardano le superfici sia interne che al di là dell'ingresso, compresa l'area porticata della struttura, riferimento dei pazienti e dell'attesa dei rispettivi genitori e familiari. Spazi da ravvivare di altalenanti e molteplici dimensioni. Superfici da ammodernare con il mix caratteristico di Gola Hundun, fra arte, natura e spiritualità, sollecitato anche da chi in quegli ambulatori opera ed è assistito.
Il filo conduttore, comunque, sono le forme, le tonalità e i riferimenti anche preistorici, che sembrano idealmente trasportati nella contemporaneità dalla Grotta francese di Lascaux. "Un luogo brutale e primitivo, buio e ricco di anfratti, popolato da rifiuti, che è stato trasformato in una intricata e verdeggiante foresta dove compaiono diverse specie animali, vegetali e creature totemiche, scene di dettagli immesse in una folta rappresentazione di cui resta traccia come nelle antiche pitture rupestri e nelle impronte da seguire. Una natura primordiale riprodotta sulle pareti, che è mescolata ad elementi simbolici. Uno spazio respingente" e quasi innaturale, che diventa "luogo accogliente e invitante. Armonia ed equilibrio sono una natura animalistica ed incantata e ogni elemento lascia spazio all'interpretazione", ha rilevato Elena Paloscia, che ha curato l'iniziativa.
Il rinnovamento è stato pianificato in un immobile della ASL Rm/1, nel quale sono assistiti i giovani e i giovanissimi fino ai 18 anni di età sofferenti di disturbi di carattere neurologico, psichiatrico e psicologico. La novità è articolata in tre fasi, che riguardano l'area antistante l'ingresso, la facciata e anche l'esterno.
Gola Hundun, dall'82 iscritto all'anagrafe di Cesena, ma ormai con base a Rimini, ha rivolto da tempo l'attenzione alla cosiddetta 'street art'. Fatale per la scoperta della passione il viaggio in Spagna, nel 2004, in particolare a Barcellona. Nell'occasione Hundun è stato ispirato dall'immaginario cavernicolo della particolare conformazione dell'ambiente da rinvigorire. Hundun, fra l'altro, esplora, allargando gli orizzonti, le tematiche riferite alla natura, ai cambiamenti climatici, all'importanza del ruolo e della funzione della terra e al rapporto degli abitanti con il pianeta. L'artista ha raccolto esperienze in Europa e anche nel Canada, nel Quebec. Esposizioni personali e collettive sono state allestite fra il 2011 e il 2016 in Brasile, a San Paolo; in Palestina, a Jenin; in Russia, a Mosca; in Giappone, a Tokyo; in Kazakhstan, ad Almaty; negli Stati Uniti, a Miami e nella Repubblica Dominicana. L'intervento a Roma di Gola Hundun è il primo di una serie da realizzare nell'ambito del progetto 'Another World' curato dall'associazione Eco dell'Arte.

Pin It