Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Visitabili con 'ApritiModa' sartorie, laboratori e archivi delle grandi creazioni del Made in Italy


Ammirare, apprezzare, ma anche scoprire e, naturalmente, valorizzare l'ennesima prova dell'originale e inconfondibile artigianalità del Made in Italy. Ottobre sarà il periodo per essere coinvolti nell'ormai tradizionale appuntamento con 'ApritiModa', promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo e organizzato e curato per la quarta volta da Cinzia Sasso ineditamente sull'intero territorio nazionale.
Lo sguardo di appassionati, interessati e curiosi sarà rivolto inizialmente sullo schermo alla ricerca delle assolute novità e, poi, personalmente nell'ultimo week-end del mese. Il 24 e il 25 sono previste visite gratuite in tutta la nostra penisola, negli atelier, nei laboratori, nelle sartorie e nei musei non sempre aperti, accessibili e disponibili all'accoglienza esterna. L'unico e necessario vincolo riguarda la prenotazione della location preferita fra le almeno settanta proposte digitando sulla mappa interattiva di www.apritimoda.it. Un procedimento inevitabile a causa delle disposizioni varate per contenere i contagi da Covid-19.
'L'arte della moda' consente e ha come obiettivo di esaltare l'invidiabile produzione italiana, la ricercata creazione artigianale, pronta ad essere trasformata in ineguagliabili preziosità. Un campionario straordinario e strepitoso arricchito ed abbellito anche dai costumi utilizzati negli spettacoli di prosa e musicali, dai campioni di stoffa ricavati dai disegni, dai figurini, dai bozzetti e modelli, dagli oggetti. Non mancheranno le testimonianze della varietà dei tessuti, ma anche i documenti conservati negli archivi e nelle biblioteche dei musei dello Stato.
La rassegna è anche l'occasione per ricostruire le esperienze collegate alle idee e all'impegno dei molteplici protagonisti nella lunga storia di una conoscenza e di una capacità impareggiabile. Un racconto pluriennale con sottofondo le vedette e i caratteristici gesti, rumori, colori e odori, fra sforbiciate, macchine da cucire e lavorazioni delle pelli. La classica manifattura italiana.
L'iniziativa ha trovato il sostegno e la collaborazione, fra l'altro, del FAI, il Fondo Ambiente Italiano; di Altagamma; della sezione Moda della Confindustria; dell'UNIC, l'Unione Nazionale dell'Industria Conciaria; della Camera della Moda Italiana; della Fondazione Cologni; di Artemide; del Consorzio Prosecco DOC; di Intesa Sanpaolo e di Fuler Hermes.

Pin It