Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

 Progetti pronti e cantierabili presentati dall'ANBI, ma da finanziare. L'occasione sono gli interventi europei

4.339.137.530,77 euro da investire, quasi equamente sparsi fra le regioni del nord e quelle meridionali del nostro Paese e un po'meno nelle aree comprese dai confini di Abruzzo, Lazio, Marche, Molise, Toscana e Umbria. Quasi tremila i progetti proposti dall'ANBI, l'Associazione nazionale dei consorzi, gestione tutela e territorio ed acque irrigue, di cui 858 pronti ad essere realizzati. Progetti praticamente esecutivi, che hanno concluso l'iter e sono in attesa di essere finanziati. L'occasione da cogliere per salvaguardare maggiormente il territorio e la raccolta e la distribuzione delle acque potrebbe essere rappresentata dalle somme in arrivo dall'Europa, ma vincolante alla concretizzazione delle proposte entro il 2026.
'Resilienza ai cambiamenti climatici, transizione ecologica, recovery fund, green deal: le proposte concrete ed immediate dei consorzi di bonifica' sono stati gli argomenti affrontati in una sala del riferimento romano dell'ANBI, a cui hanno partecipato il presidente e il direttore generale Francesco Vincenzi e Massimo Gargano; i sottosegretari alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, alle Infrastrutture e ai Trasporti e all'Ambiente Giuseppe L'Abbate, Salvatore Margiotta e Roberto Morassut; i rappresentanti di alcune commissioni parlamentari Filippo Gallinella, Giampaolo Vallardi e Susanna Cenni; il responsabile del Dipartimento Casa Italia della Presidenza del Consiglio dei Ministri Fabrizio Curcio e il segretario generale dell'Autorità di Bacino Erasmo D'Angelis.
 Francesco Vincenzi ha ricordato la fragilità dei territori della nostra penisola e l'importanza della funzione e degli impegni dei consorzi "per tutelare il prezioso liquido, i canali, i torrenti, i fiumi e i boschi". Il piano dell'ANBI sarà illustrato nelle prossime settimane in altre città del nostro Paese, fra cui a Bologna con la partecipazione del presidente della Conferenza Stato-Regioni e dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini; a Spoleto con la presenza della guida regionale Donatella Tesei; a L'Aquila dove sono ancora visibili le dannose testimonianze del terremoto; a Genova, in cui da poche settimane è stato inaugurato il ponte e a Matera.
Un po' tutti hanno ribadito la necessità di evitare interventi finanziari 'a pioggia' e di una semplificazione per l'approvazione e la concretizzazione dei progetti. Gli interventi dovrebbero riguardare anche le vie dell'acqua, oltre 700 chilometri, alcune ormai non più visibili, essendo trombati o invasi e infestati dalla vegetazione e dai rifiuti, compresi quelli cosiddetti ingombranti indiscriminatamente abbandonati.
Il piano varato dall'ANBI stima in quasi 21 mila e 700 i posti di lavoro nelle varie sezioni di manutenzione straordinaria, interventi nei bacini e per il completamento delle necessarie opere. In particolare nel sud potrebbe essere opportunità occupazionale per 9 mila e 498 operatori, nel settentrione per 8 mila e 922 persone e nelle zone del centro-Italia per 3 mila e 273 specializzati. Questa all'orizzonte, per gli amministratori pubblici, potrebbe essere "una prova senza appello", in modo da dimostrare la capacità di progettazione, di realizzazione e di opportuna spesa anche "per aumentare la produttività con l'acqua e l'energia".

Pin It