Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

'Bee the Future' è il progetto di Eataly e Slow Food per migliorare le condizioni per gli impollinatori

''Fiorin fiorello... l'ambiente è bello...': il datato e adattato ritornello, tanto per completare la serie delle rime, è utile per illustrare il progetto 'Bee the Future' promosso da Eataly, dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità e dall'Università di Palermo. L'originale iniziativa prevede la semina di uno studiato miscuglio biologico prodotto in Italia in almeno cento ettari. Complessivamente. Da nord a sud.
Le zone interessate finora dall'intervento con il mix di semi preparati dalla specializzata azienda modenese Arcoiris sono quelle dove le api e gli altri impollinatori vivono i maggiori disagi. Ad essere coinvolti sono soprattutto gli agricoltori, gli apicoltori e gli interessati alla generale tutela dei paesaggi. I semi biologici, nell'ambito di questa riqualificazione e salvaguardia ambientale, sono consegnati gratuitamente dalla società emiliana, impegnata anche nella ricerca e nella riscoperta delle antiche sementi.
La difesa del suolo e, contemporaneamente anche il criticato continuo, costante e irrecuperabile consumo, è sostenuta dal FAI, da Legambiente, da Slow Food e dal WWF attraverso un percorso parlamentare, che in Europa ha solo l'esempio simile in Germania. Le fioriture, oltre a richiamare le api, animali rilevatori della condizione ambientale, sono in grado di migliorare anche lo stato del terreno dannosamente sfruttato dalle monocolture intensive, dalle serre e dai pesticidi. I semi potrebbero essere dispersi, oltre che nelle campagne, anche negli spazi urbani e nei giardini domestici.
L'iniziativa, dopo essere stata presentata nel 2018 al Salone del Gusto di Torino nel corso di Terra Madre, è stata rilanciata nella capitale negli spazi di Eataly, all'ex Terminal dell'Ostiense. Il progetto, 'Bee the Future-100 ettari per il futuro delle api', attraverso il miscuglio dei semi biologici di una decina di specie mellifere, è stato illustrato, fra gli altri, dal docente dell'Università di Palermo Francesco Sottile, che è anche responsabile del Campus con i quasi 3 mila metri/quadrati già multicolorati e profumati; dal massimo rappresentante di Eataly Andrea Guerra e da alcuni coltivatori agricoli e da apicoltori italiani.
'Agricoltori Resistenti', sono stati denominati chi è impegnato in questa attività in grado di migliorare il rispettivo territorio. Le api sono garanzia della biodiversità. Gli esperti ritengono siano a rischio una settantina di specie agricole senza le api. Una perdita grave per l'agricoltura, l'ambiente e l'umanità. Il selezionato e ricercato miscuglio, italiano, biologico e non ibrido, è sufficiente ad attirare l'interesse delle api e degli altri insetti impollinatori. L'iniziativa sostenuta da Eataly e da Slow Food consente anche di creare una rete di agricoltori di tutte le aree della nostra penisola in particolare difficoltà, dove il numero delle api e degli altri impollinatori è in grave e pericoloso ribasso. L'Italia, fra l'altro, è leader nell'offerta di varietà di miele monoflora e il nostro è l'unico Paese dove è stato istituito un particolare registro degli assaggiatori.

Categoria: Ambiente