Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

'L'Italia che rinnova' per sostenere il legno come forma sostenibile e antinquinante di riscaldame

L'energia termica prodotta nelle abitazioni della nostra penisola è di 7 Milioni e 500 mila Tonnellate Equivalenti Petrolio. Una quantità praticamente da leader come fonte rinnovabile in Italia, tanto da precedere l'idroelettrica, 3,96 MTEP e l'eolico, 1,48 MTEP. Oltre un/terzo dell'energia rinnovabile nazionale è prodotta dalle biomasse termiche. A livello mondiale sono intorno al 40%.
'L'Italia che rinnova-Dal legno l'energia nuova per un paese sostenibile' è stato il filo conduttore, che, nel corso di un convegno, ha affrontato e approfondito la situazione dell'intero settore. L'appuntamento è stato promosso dall'AIEL, l'Associazione Italiana Energie Agroforestali; da RisorsaLegno; dall'ANFUS, l'Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini; dall'Assocosma, l'Associazione nazionale Costruttori Stufe e Accumolo e da Legambiente. Gli interventi, coordinati dal giornalista Daniele Rotondo, hanno sottolineato che i nuovi e moderni apparecchi limitano notevolmente le emissioni inquinanti fino all'80%. Gli investimenti in innovazione e sviluppo hanno trasformato il settore, incrementato l'efficienza e ridotto i consumi e l'inquinamento. Il 70% degli apparecchi venduti nei paesi europei sono progettati e realizzati in Italia. Eccellenza Made in Italy. Un comparto che può vantare un giro d'affari di 4 miliardi di euro e uno spessore occupazionale superiore ai 30 operatori in Italia e 352 mila nel Continente.
Eccellenza del Made in Italy, che il direttore generale dell'AIEL Marino Berton ha evidenziato e rilanciato con una sequela di analisi e proposte. Il patrimonio forestale del nostro Paese occupa quasi 11 milioni e 800 mila ettari, che sfiora il 40% della superficie nazionale. Due/terzi, fra l'altro, sono di proprietà privata e molti spazi di complicata individuazione per una manutenzione anche ordinaria. La superficie boschiva negli ultimi cinquant'anni è più che raddoppiata: nel 1959 era di 5 milioni e 500 mila ettari. Il taglio annuale non supera il 35% dell'incremento, ben al di sotto della quota europea. Quasi i due/terzi sono destinati alla produzione energetica e il resto all'industria del legno. Aziende dell'arredo leader nel mondo, sia nella creazione che nella realizzazione.
Le macchie sul settore riguardano, fra l'altro, una programmazione ancora traballante sul piano energetico e in ritardo sul versante industriale. La concorrenza austriaca è in grado di 'affittare' aree boschive e lavorare in patria il legname in segherie all'avanguardia per essere poi venduto alle aziende italiane specializzate nel mobilio e nell'arredamento. Gli scarti, come la segatura, è ceduta per gli usi domestici ad almeno 12 milioni di famiglie.
L'Italia ha raggiunto l'obiettivo fissato dall'Europa per il 2030 al 32% della produzione di energia da fonti rinnovabili. Per il riscaldamento a legna l'impiego
di prodotti di qualità e certificati consente il miglioramento dei processi di combustione e il relativo abbassamento del livello inquinante. Questa fase deve essere accompagnata da interventi di manutenzione qualificata.
Necessarie e inevitabili le iniziative delle istituzioni per definire le opportune normative, possibilmente per un'ammodernamento delle caldaie domestiche e per evitare lo spopolamento dei territori collinari e montani, in particolare dell'Appennino. Il legno, dopotutto, è il più antico materiale utilizzato dall'uomo per il riscaldamento.

Pin It