Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Congresso Nazionale di Federparchi. Oltre 200 le aree protette in Italia, leader mondiale per le specie di flora e fauna

L'Italia dei parchi. Un altro modo di pensare l'ambiente. Un grande patrimonio sparso in ogni regione della nostra penisola da salvaguardare e valorizzare. Oltre duecento casseforti di ricchezze, comprese quelle acquatiche, per conservare e sviluppare un'assoluta e originale biodiversità caratterizzata da 24 parchi nazionali, 1 interregionale, 150 regionali, 2 sommersi, un Santuario Internazionale per i Mammiferi Marini e 27 aree marine protette con margini e possibilità di ampliamento del numero e accorpamenti per elevare importanza e dimensioni. Piemonte, Lombardia e Lazio sul virtuale podio delle regioni maggiormente fornite di aree naturalistiche organizzate. Complessivamente sono 820 mila gli ettari di boschi e foreste nei parchi italiani, che svolgono funzioni ecosistemiche essenziali, fra cui l'assorbimento annuale di almeno 145 milioni di tonnellate di anidride carbonica. 502 i comuni interessati e coinvolti dai soli 24 parchi nazionali.
Nel corso del nono Congresso Nazionale di Federparchi, istituita nell'89, sono state rese note anche altre sostanziali cifre, come i 1.700 progetti di ricerca sostenuti nell'ultimo decennio, fra cui le 45 operazioni di reintroduzione e ripopolamento mediamente attivate nei dodici mesi a tutela della biodiversità. In Italia sono a rischio il 45% di animali vertebrati sulle 1.265 specie presenti sul nostro territorio; il 55% delle piante e il 30% dei principali ambienti naturali. Parchi nazionali e aree protette sono anche un importante laboratorio, riferimento per la sostenibilità agroalimentare. Attive e produttive 230 mila aziende per offrire oltre 150, fra DOP, DOC, IGP e IGT, al di là delle certificazioni artigianali e di qualità. Agricoltori, allevatori e pescatori impegnati nella protezione del territorio e delle acque, fonti economiche e occupazionali. Non mancano, quindi, le opportunità nel settore turistico. Almeno 27 milioni le presenze, che portano a 105 mila il livello dei posti di lavoro per un valore di quasi 5 miliardi e 500 milioni di euro.
Forzieri di pregio, che hanno trovato interessi e conferme anche nell'intervento del ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa. Il responsabile del dicastero di via Cristoforo Colombo ha annunciato la formazione di altre sei aree protette di valorizzazione nazionale e l'istituzione dei 'caschi verdi' per la natura. Esperti per interventi nel nostro Paese e, su richiesta, anche a livello internazionale. Costa, fra l'altro, ha ricordato che l'Italia ha biodiversità come un intero continente, l'Africa; di voler velocizzare l'iter per l'abbattimento di realizzazioni abusive; di aumentare la videosorveglianza nei parchi; di destinare ulteriori risorse per l'assunzione di personale qualificato e specializzato nelle aree protette; di coinvolgere, in collaborazione con il MIUR, almeno 800 giovani studenti nella formazione soprattutto per l'efficentamento energetico e di dotare di auto elettriche i Carabinieri Forestali e le Capitanerie di Porto e di apparecchi 'mangiaplastica' con il sostegno di COREPLA. Fase sperimentale al Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Richiesto per il futuro il bilancio ecologico oltre a quello economico.
L'appuntamento elettivo di Federparchi, promosso nella capitale, è stato aperto dall'intervento del presidente Giampiero Sammuri, chiamato a far parte del Consiglio dei quaranta. Sammuri ha preceduto le considerazioni dei numerosi ospiti, fra cui i rappresentanti delle associazioni ambientaliste e di progetti assolutamente originali, come quello illustrato da Paolo Pileri. Una ciclovia da Venezia a Torino, VENTO, che nei quasi 700 chilometri coinvolge una dozzina di province, un poker di regioni, 242 località di 121 comuni. Oltre quaranta le aree protette attraversate o semplicemente accarezzate dalla 'fettuccia', che ospitano più di 1.300 beni culturali, storico-architettonici-artistici e patrimonio di 373 fra sapori, profumi e colori. Almeno diecimila le aziende agricole che avrebbero la prospettiva di accogliere annualmente sui 400 mila visitatori. Stimate oltre duemila assunzioni per soddisfare le esigenze lungo lo spettacolare itinerario protetto.

Pin It