Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Allarme-siccità dall'ANBI, che ha definito 858 progetti per migliorare o realizzare le infrastrutture in modo da recuperare il prezioso liquido

 

Luce lampeggiante e suono della sirena ininterrotto per segnalare l'emergenza idrica nel nostro Paese, che conferma il trend ormai registrato da alcune stagioni causato soprattutto dai cambiamenti climatici e dall'inadeguatezza delle iniziative per calmierare il rischio e favorire la gestione e l'uso dell'acqua. I decremento dei volumi idrici coinvolgono soprattutto le zone del nord Italia, ma livelli scarsi nei fiumi e nei laghi sono stati indicati anche nel Lazio, nella Sicilia dell'entroterra e sud-orientale e in Sardegna. In Lombardia lo sprofondo è del 56,8%; i fiumi del Veneto e il Po sono ai minimi storici e in Emilia-Romagna la crisi ha colpito in particolare la provincia ferrarese. Nel Lazio il calo dell'orizzontale riguarda il Tevere, il Sacco e il Liri. In Umbria soffre il lago Trasimeno. Una parte della Sicilia è scampata, almeno per il momento, alle difficoltà patite per l'uragano di fine ottobre.
A ribadire la negativa situazione è stata l'ANBI, l'Associazione nazionale dei consorzi e della gestione e della tutela del territorio e delle acque irrigue. I dati sono stati raccolti dall'Osservatorio sulle Risorse Idriche e resi noti nel corso di un focus sull''Emergenza climatica. Il paradosso Italia', a cui hanno preso parte, fra gli altri, i presidenti della Commissione Agricoltura di Senato e Camera, Gianpaolo Vallardi e Filippo Gallinella; il sottosegretario per il Sud e la Coesione Territoriale Dalila Nesci; il docente dell'Università di Padova Elisabetta Novello e il vertice della stessa Associazione Francesco Vincenzi e Massimo Gargano.
La desertificazione ha ormai valicato la soglia de 21% del territorio nazionale. L'Italia, fra l'altro, può contare su quasi 300 miliardi di metri/cubi di acqua piovana, ma, con le attuali infrastrutture è in grado di trattenere solo l'11% della caduta naturale dal cielo, come dire 5 miliardi e 800 milioni di metri/cubi. La stragrande maggioranza della quantità del prezioso liquido va perduto e, quindi, inutilizzato. Uno spreco. Insufficienti gli invasi attualmente disponibili, molti quelli da ristrutturare e riqualificare o che sono usati in modo sperimentale e ancor di più i contenitori senza collaudo o, addirittura, interrati. Oltre 72 milioni di metri/cubi di materiali sarebbero da asportare per una spesa di quasi 290 milioni di euro, secondo un approfondimento da parte degli esperti del settore.
L'ANBI da tempo ha progettato e più volte illustrato le iniziative e gli interventi necessari per fronteggiare l'ormai allarmante situazione. "Fondamentale aumentare la capacità di immagazzinamento della risorsa idrica pluviometrica, almeno altri 5 miliardi di metri/cubi attraverso la realizzazione di piccoli e medi bacini di raccolta ad uso plurimo e multifunzionale e ampliare la superficie attrezzata con impianti irrigui collettivi, in grado di soddisfare contemporaneamente i bisogni agricoli e ambientali". Bacini che potrebbero essere a disposizione non solo dei coltivatori e degli allevatori, ma anche "dei praticanti della pesca sportiva o per lo spegnimento degli incendi". Numerose strutture gestite dai consorzi sono alimentate da energia rinnovabile autoprodotta con impianti idroelettrici, che sfruttano anche i contenuti sbalzi di livello e fotovoltaici allestiti sui tetti degli immobili consortili o galleggianti su vasche e bacini.
Nel piano di Efficientamento della Rete Idraulica del Paese l'ANBI ha preparato 858 progetti, la maggior parte definiti e praticamente cantierabili. In Italia, però, l'impasse è generato dalla cosiddetta 'burocrazia', che ingloba anche una frammentazione delle competenze e la disomogeneità normativa sui vari territori. La disponibilità di acqua è primaria per le coltivazioni agricole e a evitare lo spopolamento delle aree interne e marginali di collina e bassa montagna. Le presenze sono importanti anche per la salvaguardia del territorio e la sicurezza idrogeologica. I progetti predisposti dall'ANBI, per un investimento di quasi 4 miliardi e 400 milioni di euro, sarebbero in grado di offrire oltre 21mila nuovi posti di lavoro coniugando in una esclusiva facciata tutela ambientale, occupazione e valenza socio-economica.
L'85% del Made in Italy agroalimentare ha necessità dell'acqua. 538 miliardi di euro, il 25% del Prodotto Interno Lordo nazionale. Un settore fondamentale e vitale, che dovrebbe essere maggiormente sostenuto e sviluppato per quella autonomia alimentare tornata di estrema attualità in questi giorni per la crisi nell'Est Europa, fra Russia e Ucraina. Per la siccità e la crescente desertificazione per l'innalzamento delle temperature i danni stimati alla produzione agricola sono annualmente di quasi un miliardo di euro.
In Italia sarebbero 3.341 i comuni ad alto rischio di frane ed alluvioni, quasi il 30% del territorio della nostra penisola. All'incirca 7 milioni e 500 mila persone, che potrebbero essere in difficoltà anche grave e fatale. Dal 2010 al 2020 gli eventi estremi riconducibili a frane e alluvioni sono stati 946, che hanno causato 251 vittime e 50 mila sfollati. L'Italia, fra l'altro, è prima in Europa per territorio urbanizzato con il 7,11%, come dire quasi 2 milioni e 100 mila ettari.

Pin It