Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

Pensieri su Nicola nel giorno del suo compleanno

Caro Nicola,
alla fine di quest'anno ricorrerà il mio anniversario di matrimonio (25 anni, proprio il 15 ottobre).
Io ci sto fantasticando da mesi. Mentre penso a grandi festeggiamenti, elencando ad alta voce le persone da invitare ed i luoghi dove immagino si possa svolgere il tutto, mi confronto con la sostanziale indifferenza di mio marito, che non crede molto a queste ricorrenze: se fosse per lui, festeggerebbe solo tra noi o con pochissimi amici.
Confesso che, in questi momenti, ricorro proprio a te, Nicola, per fargli capire il senso dell' "anniversario", dell'evento da condividere con chi ci è vicino. Si tratta di tante piccole tappe di cui è costituita la nostra vita, di occasioni che costruiamo per dirci "ci siamo ancora", per confermare la nostra partecipazione ciascuno alla vita dell'altro.
Ma non solo: sono anche occasioni di reciproca "contaminazione", la possibilità di cogliere spunti e riflessioni.
Come, del resto, avveniva nelle tue meravigliose feste: luogo di incontro di realtà tanto diverse ed, allo stesso tempo, così affiatate.
Per questo motivo, del resto, non erano ammesse assenze improvvise ed ingiustificate: l'invio delle numerose mail, sempre con largo anticipo (i famosi "Bollettini" n. 1 / 2 / ecc.), intendeva scoraggiare eventuali intollerabili defezioni.
E so, quindi, cosa diresti a mio marito: "A fregnaccià, devi festeggià cogli amici! Senno te segno sul libro nero!".
Quest'anno, quindi, ti prego: sei invitato anche tu alla mia festa, anche se la data cade proprio nel giorno in cui ci hai lasciato. Un duplice anniversario da trascorrere con gli amici veri, quelli di una vita.
Buon Compleanno Nicola!

Categoria: Album