Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

Un ricordo di Nicola nel giorno del suo compleanno (di Luca Galeazzi)

Giacomo, il mio nipotino, ha 7 anni.
Ogni volta che vado a trovarlo, mi chiede di raccontargli una favola, prima di addormentarsi.
Ogni eroe delle storie che mi invento deve avere, però, una caratteristica indispensabile: deve essere un personaggio "LEGO". E così, ecco nascere storie con Batman-LEGO che affronta uomini mascherati-LEGO, pistoleri-LEGO che combattono con un esercito-LEGO di cattivi, e così via.
Come gli racconterei, oggi, Nicola (che lui non ha mai conosciuto) ? Potrei presentarglielo così: un grande amico di tuo zio, di tua zia e dei tuoi genitori, che oggi avrebbe compiuto 52 anni. Sì, proprio il numero delle carte del poker.
Immaginalo come un jolly-LEGO, altissimo, ridente e scanzonato e con lo sguardo sornione. Intorno a lui, una folla di personaggi più o meno stravaganti: re-LEGO, regine-LEGO, cavalieri-LEGO ed un'altra marea di carte-LEGO più o meno importanti, tutte diverse tra loro ma tutte a fargli da corona.
E, proprio come farebbe un jolly-LEGO che si rispetti, aveva il gusto di violare le regole del gioco, di sparigliare le carte del mazzo e di interpretare tutti i ruoli, secondo l'ispirazione del momento e seguendo solo il suo istinto: bastava che cambiasse un pezzo del suo corpo componibile (un'espressione; una smorfia; un abito) per diventare un personaggio-LEGO ogni volta diverso, sia esteriormente (memorabili i suoi maglioni pastello) sia nel comportamento, mischiando abilmente il vero e l'inventato (come quando, appassionato di jazz, parlava con competenza e passione di brani che aveva appena ascoltato, finendo poi per descrivere ricette di piatti esotici che inventava sul momento).
Soprattutto, sapeva scherzare con tutti e stare in armonia con tutti.
Con lui non potevi mai annoiarti, anche perché era proibita qualsiasi distrazione: bastava un lapsus, una frase banale detta sovrappensiero ed ecco, immediatamente, le sue battute fulminanti, che davano il ritmo a quella che, altrimenti, sarebbe stata una serata qualunque.
Quante volte diceva, scherzando: "... ma se non ci fossi io ...". E adesso che, purtroppo, non è veramente più tra noi, le nostre vite sono diventate più prevedibili: come le altre carte-LEGO del mazzo, siamo tornati a rispettare le regole del gioco, ma ci manca tanto il nostro jolly-LEGO.

Categoria: Album